Rendering 3D

Rendering 3d: dal progetto all’immagine

L’esperienza di CuboBianco con il rendering 3D è nata da una specifica esigenza: dare corpo ai progetti di interior design per presentarli al meglio ai nostri clienti. In seguito, la qualità altamente realistica dei modelli tridimensionali e dei materiali, unita alla competenza acquisita con i software dedicati hanno reso questo strumento una reale alternativa alla fotografia.
L’uso del 3D soddisfa tanto le aziende di arredamento, che vogliono ricreare un’ambientazione per i propri prodotti, quanto le agenzie di advertising e di comunicazione che intendono sfruttare i vantaggi della computer grafica.
La resa di immagini estremamente fotorealistiche, sposata alle tecniche di post produzione e fotoinserimento, ci permette di esplorare una vasta gamma di soluzioni, in un costante confronto con le richieste del committente.
Le ambientazioni realizzate variano dagli spazi contemporaneei, agli ambienti classici, ai set fantastici, con una costante attenzione ai dettagli, ai particolari architettonici ed ai materiali utilizzati.
Anche la varietà dei prodotti che è possibile modellare ed inserire negli ambienti virtuali è molto ampia; grazie ai nuovi software ed all’esperienza maturata, prodotti come imbottiti, tende e tappeti possono essere resi fotorealisticamente al pari di bagni, cucine e prodotti da rivestimento.
L’iter di produzione delle immagini è incentrato sul continuo confronto con la committenza, che segue passo passo lo sviluppo del progetto e approva ogni fase prima di passare a quella successiva, fino al completamento del progetto con la consegna delle immagini pronte ad essere utilizzate su qualsiasi supporto, dalla stampa ad alta risoluzione al web.

Il processo di realizzazione dei nostri rendering 3d prevede solitamente 5 fasi:
• la realizzazione di bozze per definire le ambientazioni: si decidono la tipologia di architettura e la distribuzione degli spazi. É il primo confronto con la committenza e getta le basi per un progetto lineare in cui le linee guida siano chiare, così da concentrare le energie sulla qualità della resa finale delle immagini.
• un moodboard per la scelta degli arredi, dei materiali e dei colori: con l’aiuto di immagini di riferimento si definiscono gli arredi, i complementi e la palette dei colori da utilizzare nell’ambientazione 3d
• anteprime in bassa risoluzione per verificare la resa dei materiali e dell’illuminazione: sono le anteprime che mostrano al cliente la resa effettiva dell’immagine, sulle quali si apportano le ultime eventuali modifiche prima di passare all’alta risoluzione.
• la realizzazione delle immagini finali in alta risoluzione: si calcola l’immagine alla risoluzione richiesta dal cliente in base al futuro utilizzo
• la post produzione: un passaggio importante per esaltare le caratteristiche del rendering, correggere piccole imperfezioni e bilanciare i colori.
Affidarsi a Cubobianco per la produzione di rendering 3d fotorealistici vuol dire disporre di un team formato da interior designer, art director e professionisti della grafica 3d in grado di sviluppare progetti creativi e fotorealistici, nel respetto del brief fornito dal cliente.
Dal design industriale all’arredamento, dall’exhibit design all’advertising, il rendering 3D si rivela essenziale per dare forma a qualsiasi progetto in cui l’immagine è protagonista.